QARAQUIP

QARAQUIP

Aiutiamo il popolo Qom ad avere acqua senza arsenico

QARAQUIP

QARAQUIP

Aiutiamo il popolo Qom ad avere acqua senza arsenico

La storia

L'Argentina ha 500 anni di storia scritta

L'Argentina ha 500 anni di storia scritta, è un'immensa nazione di lingua spagnola, con una superficie di ben 9 volte quella dell'Italia ed una popolazione di 43 milioni di abitanti. La comunità argentina è strettamente legata con quella italiana in quanto oltre metà della popolazione ha discendenze con avi di origine italiana, emigrati in massa (3 milioni) tra la fine dell'800 e gli inizi del '900. La provincia del Chaco, regione compresa tra Argentina, Paraguay e Bolivia,  con capoluogo Resistencia, è situata nel nord del Paese; con una superficie di  99.633 km² pari ad un terzo dell'Italia, si estende nella pianura del Chaco Austral, a sud del Rio Bermejo. L'habitat naturale è caratterizzato da una vegetazione di tipo subtropicale con bosco alto, alternato a boscaglie basse, paludi, praterie semi inondate. Le temperature  possono raggiungere i 47 gradi in estate e -5/-7 in inverno, perchè in assenza di catene montuose da Est a Ovest, le correnti calde del Nord e quelle fredde del Sud producono forti escursioni termiche (da -12° a +48°). Le popolazioni che abitavano queste terre  appartenevano principalmente ai gruppi linguistici Guaicurú (Qom, Moqoit, Pilagá, Abipon ) e Wichi (Wichi, Nivaclée), erano di abitudini nomadi e seminomadi e si dedicavano alla raccolta dei frutti e del miele selvatico, alla caccia, alla pesca ed all’allevamento a partire  dall’introduzione di animali domestici quali vacche, cavalli e ovi-caprini ed in minor misura si dedicavano all’agricoltura. Benché la popolazione attuale risenta molto della presenza dei migranti europei, italiani per oltre il 54% ,  essa trae discendenza dei popoli precoloniali ed autoctoni e in minor misura se pur considerevole, anche dai popoli africani. Attualmente la regione é abitata in maggior parte da una  popolazione meticcia di cultura argentina   chiamata etnia criolla o “de crollos”, con una estrazione culturale ed un sincretismo di origine autoctona Qom,Guaraní, Quechua. Questa terra é una degli ultimi territori dove é stata completata la “conquista” cosí come comunemente la si conosce, con battaglie campali, massacri, distruzione di accampamenti e villaggi, dove trattati e patti sono stati ignorati, dove è stato praticato il genocidio delle popolazioni originarie e dove le epidemie portate dai “conquistadores” hanno completato l’opera di colonizzazione . Tutto ciò si riverbera sin ai giorni nostri, in quanto i “vinti” restano ampliamente ignorati dall’educazione ufficiale e dall’economia dei vincitori.